Oltre la SEO on site: miglioramento del posizionamento con la link building off site

link building esterna

Spesso ci capita di lavorare su siti che si presentano già in buone condizioni dal punto di vista della SEO, ma su cui bisogna lavorare ancora per migliorare il posizionamento.

Questo è quello che abbiamo fatto per il sito di una scuola di ballo per cui abbiamo fatto piccole ottimizzazioni SEO on site in quanto il sito web si presentava già in buone condizioni dal punto di vista SEO.


Se le ottimizzazioni on site da fare erano poche, su che cosa abbiamo lavorato molto per migliorare il posizionamento?


Abbiamo lavorato molto off site con attività di link building per 12 mesi, andando così a migliorare ulteriormente un posizionamento che già era ottimo.

Le attività sono state svolte con grandissima attenzione alla qualità dei link e sulla base degli obiettivi del cliente.

Utilizzando varie tecniche di link building abbiamo ottenuto un ottimo risultato nel giro di 12 mesi.

Siamo infatti riusciti a:

  • portare le parole chiave richieste al primo posto nella SERP di Google
  • aumentare del 30% i nuovi utenti sul sito
  • passare da 60 a 125 parole chiave in prima pagina.  

I grafici qui sotto mostrano chiaramente quanto è stato fatto.

 

Da questo grafico di Analytics si vede bene quanto siano aumentati  i nuovi utenti nei nostri 12 mesi di lavoro.

Nei grafici sottostanti, che rappresentano rispettivamente la distribuzione delle keyword prima e dopo il nostro intervento, si vede chiaramente come le keyword già posizionate abbiano migliorato molto il loro posizionamento.

Nel secondo infatti le parole sono meglio posizionate e sono anche di più a livello quantitativo.

Vediamo concretamente in cosa consiste questo miglioramento.

Presta bene attenzione alla prima colonna, che mostra il numero di parole presenti in prima pagina. La suddivisione in righe colorate invece indica come si collocano le singole parole all’interno della prima pagina.

Noti delle differenze fra i due grafici?


Ecco che cosa è cambiato…


Se prima del nostro intervento c’erano solo 60 parole chiave nella prima pagina, rappresentata nella prima colonna, ora ce ne sono ben 125, più del doppio, e gli obiettivi del cliente sono stati raggiunti con successo. 

Inoltre sono aumentate anche le parole che, all’interno della prima pagina, hanno raggiunto le prime tre posizioni, le più importanti.

Insomma, alla luce dell’andamento globale del sito, possiamo dirci più che soddisfatti di quanto fatto finora e continueremo a lavorare per consolidare quanto raggiunto e migliorare ulteriormente.

Molti spesso sono restii nei confronti della link building perché la vedono come qualcosa di artificioso e potenzialmente dannoso, ma non è affatto così.

Se la link building off site viene fatta con gradualità e nel modo giusto, prestando molta attenzione alla qualità dei link e dei contenuti prodotti, non ci saranno penalizzazioni.

Anzi, la link building è proprio lo strumento di cui hanno bisogno i siti che godono già di una buona ottimizzazione on site per raggiungere risultati ancora più soddisfacenti.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *